Opinionisti Monia Mariani

Crescono le baby gang

Solo la famiglia che può salvare tutto

Print Friendly and PDF

Oggi la violenza sembra essere diventata sempre più un mezzo d’espressione tra gli adolescenti. E le baby gang dilagano. Ma perché di questo preoccupante fenomeno? Quali possono essere le cause ?

Prima di tutto, come hanno affermato molti sociologi, in studi recenti, gli adolescenti sono molto più svegli di decenni fa. Certo e’ che il fenomeno delle baby gang si lega però anche  al bullismo nelle scuole. In classe come nelle amicizie c’è infatti sempre qualcuno che è dominante sul gruppo. Quando questa persona è seria il gruppo è compatto e viene su bene. Se invece il capogruppo non lo è si porta dietro un gruppetto di ragazzini, spesso più piccoli, che lo prendono da esempio. Poi c’è il ruolo dell’emulazione.

Una volta era sempre il buono a vincere, il cattivo non vinceva quasi mai adesso invece se la cava assieme al più furbo ed è questo che ai giovani piace vedere esemplare. Ma e’ la famiglia che può salvare tutto, l’amore ed il rispetto devono essere  inculcati dai genitori fin da piccoli e da chi fa parte del nucleo familiare. Oggi i genitori sono spesso costretti a lavorare tutto il giorno, hanno sempre meno tempo libero; non c’è più la domenica di riposo. Così succede che i bambini crescano con il cellulare in mano o passino il tempo davanti al computer sui videogame spesso violenti dove nella maggior parte dei giochi, chi uccide di più, vince.

Un  fenomeno sociale che si poi affrontare certamente con il dialogo e il ritorno ad un senso di giustizia e dovere. Perché non si può uccidere una persona per noia!!

Redazione
© Riproduzione riservata
03/05/2019 15:47:45

Monia Mariani

Appassionata di scrittura e narrativa e, da sempre, interessata a tematiche sociali. Ha finora pubblicato tre romanzi biografici. Il Maestro (2008), ispirato alla vita del biturgense Gino Tarducci, La Leggenda di Zillone (2010) autobiografia dell’ex pugile professionista Pietro Besi, e La Tortuga (2013) ispirato alla vita del fiorentino Giacomo Papini, cercatore di diamanti in Venezuela. Sta lavorando ad altre storie da raccontare.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Monia Mariani

Il lavoro che non c’è >>>

Disabili senza cittadinanza >>>

Disabili senza cittadinanza >>>

Un servizio sanitario nazionale uguale per tutti >>>

Sos clima >>>

Poche donne al potere... >>>

Forse non tutti sanno... >>>

Genitori distratti >>>

Il futuro scolastico dei nostri ragazzi >>>

Padri a casa con i figli >>>