Notizie Locali Cronaca

E45, la manifestazione di San Piero in Bagno: blocchiamo A14 e A1

Sindaci, sindacati e associazioni di categoria determinati nell'alzare i toni della protesta

Print Friendly and PDF

Una nuova marcia su Roma all’orizzonte, ma stavolta con duecento tir che protesteranno per l’attuale situazione della E45. Ma anche il blocco di A14 e A1, Questa la volontà uscita fuori in Alto Savio. Erano in duecento anche ieri mattina a San Piero in Bagno, in piazza Martiri del 25 luglio 1944 (quella in cui si trova il palazzo comunale) per la manifestazione promossa sul versante emiliano-romagnolo, con il sindaco di casa, Marco Baccini, nel ruolo di coordinatore della situazione. Assieme alle delegazioni delle associazioni di categoria (Confindustria, Confartigianato, Cna, Confcommercio e Confesercenti) e ai rappresentanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil dell’autotrasporto – tutti intenzionati a dare battaglia - c’erano anche i primi cittadini dei territorio, compresi i tre dei Comuni che si trovano a sud del viadotto Puleto”: Albano Bragagni di Pieve Santo Stefano e Mauro Cornioli di Sansepolcro per la parte toscana e Paolo Fratini di San Giustino per quella umbra. Fra i più determinati, il sindaco Paolo Lucchi di Cesena, che non ha escluso nemmeno un blocco lungo la A14, da riproporre poi anche nell’Aretino e sul versante di Perugia. Lucchi ha criticato senza mezzi termini l’atteggiamento del governo centrale per l’assenza di proposte e di dialogo: solo le promesse – peraltro non mantenute - di una riapertura della E45 entro un mese (eravamo a metà febbraio quando è venuto il ministro Danilo Toninelli), ma per il resto nulla. La chiara sensazione prevalsa è insomma quella di un progressivo calo di attenzione in atto sulla vicenda di una importante arteria stradale chiusa da quasi tre mesi al traffico pesante e Lucchi ha invitato a non mollare sul riconoscimento dello stato di emergenza nazionale, negato sia nel “decretone” che nel successivo decreto “crescita”. Intanto, è probabile a stretto giro di giorni un ritorno al Puleto del professor Claudio Modena, il perito incaricato dal gip Piergiorgio Ponticelli, per ulteriori indagini di campionamento e carotaggio. “A quel punto – hanno dichiarato i sindaci Cornioli e Bragagni – sotto immediatamente con i lavori, indipendentemente dalle responsabilità che emergeranno da parte di Anas o della Procura. Vogliamo che il prossimo mese di maggio anche gli autotreni e i pullman tornino a circolare sulla E45. Tre pertanto sono gli obiettivi sui quali puntiamo anche noi: il primo è quello di realizzare nel più breve tempo possibile i lavori che si renderanno necessari; il secondo è quello di insistere per ottenere gli ammortizzatori sociali a beneficio di imprese e lavoratori penalizzati dal provvedimento del 16 gennaio scorso e il terzo è quello relativo alla vecchia statale 3 bis, dove l’iter burocratico per il ritorno fra le competenze di Anas è oramai in dirittura di arrivo, per cui presto dovranno mettervi mano”.

Redazione
© Riproduzione riservata
13/04/2019 22:42:43


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

In Umbria il picco delle temperature nella giornata di venerdì >>>

Arezzo, scontro tra una vettura e uno scooter: feriti due giovani del posto >>>

Perugia: la Guardia di Finanza denuncia 55 pubblici ufficiali "corrotti" >>>

Crolla una parte dell'argine del Tevere a Città di Castello >>>

Perugia, muore a 21 anni dopo un tuffo in piscina >>>

Tragedia in volo con il parapendio: perde la vita un 31enne aretino >>>

Bagno di Romagna, ciclista cade procurandosi una ferita all'inguine >>>

Si ribaltano con la vettura, lei rimane incastrata tra le lamiere del mezzo >>>

Furti a Città di Castello, i ladri portano via soldi e gioielli >>>

Violenta grandinata a Sansepolcro: sono caduti chicchi grandi come le noci >>>