Notizie dal Mondo Cronaca

Gli Usa pronti a inserire i pasdaran nell'elenco dei gruppi terroristici

Teheran ha già preparato la risposta: fare lo stesso con le forze armate americane

Print Friendly and PDF

Trump alza il tiro sull’Iran. Dopo che il segretario di stato Usa Mike Pompeo lo ha indicato al recente vertice dei ministri degli esteri Nato tra le minacce principali, accanto a Russia e Cina, ora l’amministrazione Usa è pronta a designare le guardie rivoluzionarie iraniane come una organizzazione terroristica straniera. Una mossa che, secondo i media americani, potrebbe essere annunciata lunedì, a quasi un anno dall’annuncio del ritiro Usa dall’accordo sul nucleare. Sarebbe la prima volta che Washington designa in questo modo una branca delle forze armate di un governo straniero.

Teheran ha già annunciato una eventuale risposta simmetrica: le forze armate americane saranno inserite nella lista delle «organizzazioni terroristiche», accanto all’Isis, come ha ammonito il presidente della commissione politica estera e sicurezza nazionale del parlamento iraniano, Heshmatollah Falahatpisheh. Anche il ministro degli esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, è intervenuto su Twitter per replicare all’ offensiva di Washington: «Un giorno gli Stati Uniti sostengono che l’Iran è sull’orlo del collasso e il seguente siamo demonizzati come una `Grande Potenza´ che minaccia la Nato. Pompeo e il suo capo farebbero qualsiasi affermazione contraddittoria adatta all’occasione... Al contrario, l’Iran è costantemente responsabile e in cerca di pace».

La mossa tuttavia sta dividendo l’amministrazione Usa. A sostenerla sono due `falchi´ come Pompeo e il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton. Ma l’intelligence e i vertici delle forze armate invitano alla prudenza per le possibili conseguenze sull’esercito Usa nella regione, in particolare in Iraq, dove le milizie sciite allineate con Teheran si trovano vicine alle truppe Usa. I dirigenti del Pentagono, tra cui il gen. Joe Dunford, capo dello stato maggiore congiunto, temono ritorsioni. La Cia ha riserve. Il comando centrale Usa, da cui dipendono le forze americane in Medio Oriente, intende diffondere una allerta regionale alle truppe nei prossimi giorni.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
07/04/2019 06:42:56


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

È morto a 102 anni George Rosenkranz, il “padre della pillola” >>>

Il villaggio non vuole il festival degli skinhead: comprata la birra che serviva ai partecipanti >>>

Violento terremoto in Indonesia, nessun rischio tsunami >>>

Tentato colpo di Stato in Etiopia: il capo dell’esercito ucciso da una guardia del corpo >>>

Urla, colpi e piatti rotti: furiosa lite nella notte in casa di Boris Johnson >>>

Incendio all'alba in una casa nel cuore di Parigi, 3 morti e 27 feriti >>>

Proteste e oltre 200 feriti in Georgia, si dimette il capo del Parlamento >>>

Incendio in una fabbrica di fiammiferi in Indonesia, morte 30 persone. Anche 3 bambini >>>

Iran, Trump dà il via libera ai raid poi li ferma >>>

Polonia, ubriaco guida un carro armato sovietico e semina il panico >>>