Notizie Locali Cronaca

Disastro Puleto, ora dal cantiere è stato rubato pure il generatore per i semafori

Continuano anche i controlli dalla Polstrada, ma alcuni mezzi pesanti riescono a passare

Print Friendly and PDF

Sul Puleto accade oramai di tutto. Sia nel viadotto stesso che nel cantiere attiguo. E’ scomparso, quindi sostanzialmente rubato, uno dei due gruppi elettrogeni che serviva ad alimentare il doppio impianto semaforico; in pratica, quello che deve scattare nel caso il sensore radar di terra avverte vibrazioni anomale sul viadotto. Dopo il transito continuo di mezzi pesanti - sono considerati tali nella prescrizioni tutti quelli con portata complessiva superiore alle 3,5 tonnellate - ora ci sono stati anche dei furti all’interno del cantiere ubicato nei pressi dello svincolo di Canili: il primo, percorrendo la E45 in direzione nord, in territorio romagnolo. Il colpo sarebbe stato messo a segno durante il weekend (forse sabato notte) e la ditta, con sede a Città di Castello, si sarebbe accorta della mancanza solamente alla ripresa dell’attività: il lunedì. Situazione complessa quella che sta vivendo la E45: sono diversi, purtroppo, i mezzi pesanti che cercano di attraversare il viadotto del Puleto nonostante serrati restano i controlli da parte della Polstrada. Si parla di una media giornaliera di circa due sanzioni; una volta fermato, però, spesso la cifra della multa aumenta poiché vengono contestate altre irregolarità. Non solo conducenti stranieri, come può sembrare, bensì anche tanti italiani: la colpa non può essere sicuramente data alla scarsa segnaletica installata da parte di Anas. I cartelli del divieto di transito ai mezzi con portata complessiva superiore alle 3,5 tonnellate, in entrambe le direzioni, sono ben visibile già 50 chilometri prima del Puleto. In tanti vengono fermati altri, però, riescono a farla franca raggiungendo la meta di destinazione. Numerose, poi, sono le segnalazioni quotidiane di infrazioni di questo tipo anche da parte di testimoni che spesso documentano tutto nelle pagine social. Un fenomeno, però, difficile anche da arginare a meno che non arrivi l’indicazione che gli svincoli di Canili e di Valsavignone debbano essere controllati dalle forze dell’ordine H24. Forse, può essere l’unica soluzione per arginare il problema.

Redazione
© Riproduzione riservata
15/03/2019 10:27:44


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Tragedia sfiorata a San Giustino: famiglia intossicata dal fumo >>>

Puleto, recuperato il tir precipitato nel 2016: in corso una causa contro Anas >>>

Città di Castello: finisce con l'auto in un fosso, illesa >>>

Catiuscia Marini dimessa dall'ospedale, ora a riposo >>>

Scossa di terremoto di magnitudo 2.7 in Umbria nei pressi di Montone >>>

Arezzo: tenta di rubare un orologio, il gioielliere lo blocca fra le due porte di sicurezza >>>

Montevarchi, 56enne straniero accoltellato all'addome e ricoverato alla Gruccia >>>

Valdarno: fuori strada con l'auto il giorno delle nozze, feriti i due sposi >>>

Lieve malore per la presidente della Regione dell'Umbria, Catiuscia Marini >>>

Fuori strada con la Range Rover, 65enne compie un volo di oltre 30 metri >>>