Notizie Locali Politica

Giacomo Benedetti é il candidato sindaco del centrosinistra a Pieve Santo Stefano

Ma la sorpresa é la terza lista capitanata da Guido Galletti. E' la prima volta che succede

Print Friendly and PDF

È Giacomo Benedetti, 39 anni, laureato e consigliere di amministrazione della Fondazione Archivio Diaristico Nazionale, l’avversario di Claudio Marcelli alle amministrative del 26 maggio prossimo nel Comune di Pieve Santo Stefano. Alla testa della lista civica “Pieve in Comune”, Benedetti ha già una esperienza politica da consigliere comunale di minoranza. Da tempo, invece, è ufficiale la candidatura di Claudio Marcelli sullo schieramento che porterà avanti la linea tracciata da Albano Bragagni. Dunque, Marcelli-Benedetti è la sfida che caratterizzerà Pieve Santo Stefano? Forse no, arriva la sorpresa, infatti per la prima volta ci potrebbe essere una terza lista guidata dall'ingegnere 56enne Guido Galletti, questo é il cartello comparso nella Città dei Diari: 
 

Non vorrete farmi credere che...

Questo è un appello, ironico ma serio, rivolto a tutte le persone di buona volontà, se ce ne sono rimaste qui a Pieve...

• Non vorrete farmi credere che le auto lasciate selvaggiamente in piazza e lungo via Roma servano a non consentire a Google di scattare foto per il suo noto software.

• Non vorrete farmi credere che la rosa dei venti di piazza è ridotta così per disorientare la gente.

• Non vorrete farmi credere che l'asfalto di via Canonico Coupers all'altezza dell'incrocio con via Belmonte sia lasciato da anni in quelle condizioni per evitare colpi di sonno affrontando la curva.

• Non vorrete farmi credere che hanno chiuso con un cordolo di cemento uno degli accessi al centro per soddisfare la domanda di nuovi parcheggi privati.

• Non vorrete farmi credere che quel cartellone messo in una curva, sopra ad un cordolo deformato serva a coprire il milite ignoto dagli spifferi della tramontana.

• Non vorrete farmi credere che l'ex edificio scolastico all'ingresso nord del paese sia stato demolito e lasciato in quelle condizioni per via di un fungo pluricellulare.

• Non vorrete farmi credere che la struttura cemento-metallica realizzata di fronte alla Madonna dei Lumi sia il nuovo mercato del pesce, completo di vasca costruita direttamente sull'alveo del Tevere.

• Non vorrete farmi credere che lasciare buona parte del paese poco illuminata sia un espediente per incoraggiare gli amori giovanili.

• Non vorrete farmi credere che avere due palestre senza posti per gli spettatori sia un modo per far stare i ragazzi qualche ora senza i loro genitori tra i piedi.

• Non vorrete farmi credere che i 5 paletti di diametro sproporzionato messi attorno al pozzo di piazza siano li per attirare turisti da tutto il mondo.

• Non vorrete farmi credere che siamo il paese più brutto della Valtiberina a causa del patto di stabilità.

• Non vorrete farmi credere che è stato deciso di spostare la sede storica della Banda perché la samaritana della terracotta al piano di sopra si è lamentata del chiasso che facciamo.

• Non vorrete farmi credere che ponte vecchio (adesso paradossalmente divenuto ponte nuovo) è rimasto con quattro tubi al neon per scacciare le zanzare d'estate.

• Non vorrete farmi credere che la nostra casina dell'acqua sia l'unica in Valtiberina ad andare in modalità mono e non stereo solo perché il prodotto che eroga è un po' “duro” ad uscire.

• Non vorrete farmi credere che l'area e la struttura al bivio della Verna (50 metri sulla destra) sia lasciata in quelle condizioni come monito per ricordare che qui c'è stata la linea gotica.

• Non vorrete farmi credere che sotto la residenza protetta, in quell'enorme ambiente a piano terra, inutilizzato e ridotto (vi invito ad andare a vedere) a discarica non si possa aprire un centro diurno anziani perché dobbiamo portarli a Caprese che così si divagano nel viaggio.

• Non vorrete farmi credere che quella stanza ex magazzino definita obitorio pubblico sia così piccola perché si vuole incentivare la cremazione dei defunti.

• Non vorrete farmi credere che quello che state leggendo è solo frutto della mia fantasia. Non vorrete farmi credere che in tutta Pieve e dintorni non ci siano 9/10 persone disposte a a impegnarsi a fare una lista civica con me.

Chi vuole contattarmi lo può fare chiamando o lasciando un messaggio a questo numero: 331 2343083 oppure scrivendo a: azionecomune@pievenet.com ...E comunque non c'è niente da ridere. Grazie per l'attenzione.

Aspettando di capire cosa potrà succedere a Pive Santo Stefano, facciamo il punto della situazione sui Comuni dell’Alta Valle del Tevere tosco-umbra a meno di due mesi e mezzo dalle consultazioni. Siamo partiti con il versante toscano e vi rimaniamo per ricordare che anche a Monterchi il duello è definito fra il sindaco uscente Alfredo Romanelli (area centrodestra) e il segretario locale del Partito Democratico, Lorenzo Minozzi (centrosinistra), mentre a Badia Tedalda e a Sestino siamo più indietro, anche se occorre fare dei distinguo: a Badia, l’attuale primo cittadino, Alberto Santucci, ha manifestato l’intenzione di riprovarci con l’appoggio di Pd, Psi e Rifondazione (e dire che quando venne eletto la prima volta, nel 1999, apparteneva al centrodestra) e per ciò che riguarda l’avversario potrebbe riproporsi dopo 5 anni la sfida con Fabrizio Giovannini, molto vicino alla Lega, che rappresenta anche qui la forza motrice del centrodestra. Ricordiamo che Santucci e Giovannini, divisi dal 2014, erano stati fino a quel momento alleati politici, scambiandosi fra di loro i ruoli di sindaco e di vice. Passando a Sestino, tutto lascia presagire che il sindaco Marco Renzi scioglierà le riserve (legate a impegni personali) e ci riproverà, garantendo che comunque il suo progetto politico andrà avanti; nulla si sa invece su chi sarà il candidato dello schieramento opposto. Andiamo adesso in Altotevere Umbro, cominciando dal Comune più popoloso: San Giustino. Il sindaco uscente Paolo Fratini è ufficialmente ricandidato (aprirà la propria campagna elettorale sabato 23 marzo) ed è prossima all’ufficializzazione la sfidante, Lucia Vitali del centrodestra. Pressochè improbabile la conferma del Movimento 5 Stelle, che sembra attraversare un momento di crisi. Da San Giustino a Citerna, dove Giuliana Falaschi ha terminato il proprio mandato e l’investitura è caduta sulla sua vice, Benedetta Barberi Nucci, che se la vedrà con il candidato del centrodestra Enea Paladino, appoggiato anche dall’ex consigliere regionale Gianluca Cirignoni. Da capire, stando alle voci che circolano, in che modo si regolerà Giuseppe Mauro Della Rina, l’avversario battuto nel 2014 dalla Falaschi per una manciata di voti. A Montone è già sicura la ricandidatura di Mirco Rinaldi (centrosinistra), sindaco uscente, mentre nulla è dato ancora sapere sullo sfidante, così come a Pietralunga, dove Mirko Ceci – trattandosi di un Comune sotto i 3mila abitanti – ha la possibilità di effettuare un terzo mandato. Chi lo sfiderà nell’area di centrodestra? Anche qui, tutto tace. Conclusione con Bagno di Romagna, dove sarà una sorta di “derby” fra togati: Marco Baccini (in carica dal 2014) e Alessia Ruggeri per il centrodestra, non dimenticando che 5 anni fa il centrosinistra era diviso in due. Stavolta, Baccini sarà candidato unico di schieramento? Vedremo. Come vedremo se in tutti i Comuni sarà battaglia secca a due, oppure se si inseriranno terzi candidati all’ultimo istante.    

Nella foto Giacomo Benedetti candidato sindaco a Pieve Santo Stefano per il centrosinistra   

Redazione
© Riproduzione riservata
14/03/2019 16:48:19


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

E45, Morrone: "Dal Decreto Crescita 10 milioni ai danneggiati dalla chiusura del viadotto Puleto" >>>

Catiuscia Marini conferma le dimissioni da presidente della Regione Umbria >>>

Comune di Arezzo: il progetto #Tuttomeritomio >>>

Stiamo assistendo a una fra le campagne elettorali in assoluto più “mosce” di sempre >>>

Torna a riunirsi il Consiglio Comunale di Arezzo >>>

Lavori di messa in sicurezza di tre rotatorie a San Giovanni Valdarno >>>

L’area etrusca di Pieve a Socana torna a splendere grazie ad un progetto di valorizzazione >>>

Stop ampliamento della discarica di Podere Rota: 100mila tonnellate di rifiuti smaltiti >>>

Claudio Ricci si candida a presidente della Regione dell'Umbria >>>

Verini, vergogna per pezzi del sistema sanità >>>