Notizie Nazionali Economia

Made in Italy, la proposta della Lega: marchi storici vietati a chi porta la produzione all'estero

Il ministro dell’Interno: «È uno strumento di difesa delle aziende italiane»

Print Friendly and PDF

«Se vuoi continuare a usare quel marchio storico, che è un valore aggiunto, devi mantenere la produzione in Italia». Matteo Salvini presenta alla Camera la norma per la tutela dei marchi italiani, con una proposta di legge per salvaguardare i marchi storici italiani, con oltre 50 anni. Insomma, un registro dei marchi come strumento contro le delocalizzazioni all’estero. Primo firmatario della proposta è il capogruppo del partito alla Camera, Riccardo Molinari. L’idea - è stato spiegato, in conferenza stampa a Montecitorio - è di fare in modo che il marchio «diventi proprietà dello Stato» nel caso in cui, come avvenuto con la Pernigotti, l’azienda sia rilevata da un gruppo estero che proceda allo spostamento della produzione fuori dall’Italia.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
14/03/2019 14:21:08


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Conad compra supermercati e negozi italiani di Auchan e diventa il gruppo leader >>>

“I clienti se desiderano provare abiti e scarpe devono pagare 10 euro” >>>

Telefonia: da mercoledì taglio ai costi delle chiamate internazionali nell’Ue >>>

Torna a crescere la ricchezza delle famiglie italiane >>>

Sanzioni a chi risparmia troppo: arriva il Grande Fratello fiscale >>>

Alitalia, il cda di Ferrovie chiede un’altra proroga >>>

In aumento il prezzo della benzina, sulle autostrade arriva a 2 euro al litro >>>

Istat, in calo la fiducia dei consumatori: è ai minimi da luglio 2017 >>>

Tria: “Nessun rischio patrimoniale, sono molto contrario” >>>

C’è l’ok del Senato, il Decretone è legge >>>